Casa in affitto!

Affittare una casa in UK non è tanto diverso che farlo in Italia. Cerchi le agenzie via internet, visiti la zona che ti interessa e raccogli informazioni. Puoi velocemente farti un’idea dei prezzi e i siti sono ricchi di dettagli, foto, piantine, posizione sulla mappa di google, distanza dalle scuole dei dintorni!

Il  sito da cui partire è senz’altro Rightmove!

Poi in effetti le cose si complicano un po’ per due motivi distinti.

Il primo motivo riguarda quello che ho ormai iniziato a individuare come una caratteristica degli inglesi e del loro mondo del lavoro.
Non di tutti gli inglesi ovviamente, ma di quella parte della popolazione più normale, diciamo dell’inglese “medio”.
Per gli inglesi, rispetto a noi, è tutto troppo facile e in generale non si sbattono più di tanto. Vivono il lavoro con più serenità, perchè evidentemente se lo possono permettere. Meno regole, meno vincoli, tassazione più bassa.
Ti capita quindi di trovare ristoranti che chiudono alle 21:00, bar che aprono dalle 7:30 alle 15:00, ambulanti che fanno mercato 3 giorni alla settimana pur pagando il posto per tutti i sette giorni!
Anche le agenzie immobiliari non si discostano da questa “pigrizia”: trovi agenzie che, pur trattando solo case e appartamenti residenziali, non affittano a società, altre che affittano solo a famiglie, altre ancora che non accettano 3 uomini se non sono imparentati ma sono pronti ad intestare il contratto all’azienda che poi fa entrare gli stessi 3 uomini di prima. E non c’è santo… non è una questione legislativa.. semplicemente i loro contratti di affitto sono così e non sono negoziabili. Vuoi mica personalizzare il contratto caso per caso….
Sono tutti gentilmente molto “sorry about that” ma anche irremovibili.
Per noi si è trattato quindi di scegliere la casa tra quelle disponibili in quelle agenzie dotate di un contratto affine alle nostre caratteristiche!

Il secondo problema riguarda strettamente le questioni economiche.
Qui è prassi abituale e consolidata affidarsi ad agenzie di controllo della solvibilità. Una tra tutte: la Homelet.
Servizio preciso, economico e veloce… tranne per chi non ha una credit history in UK. 😦
Ci ha messo comunque una sola settimana. Giusto questo venerdì abbiamo ricevuto il via libera con riserva… in pratica mi hanno chiesto di lasciare un deposito di due mesi anzichè di un mese e mezzo. E sia! Temevamo già di poter entrare solamente pagando in anticipo 6 mesi di affitto.

Normalmente i contratti di affitto sono di un minimo di sei mesi, rinnovabili. Alla consegna delle chievi si versa una deposito e dopo l’inventario/controllo della casa e dei contatori si può finalmente entrare! Alla fine del contratto viene restituito il deposito che era finito in un fondo apposito.

Piccolo dizionario:
Tenant = Affittuario (cioè io)
Landlord = Proprietario
Rent = affitto
Tenancy Agreement = Contratto d’affitto
Deposit = deposito
Flat Sharing = condivisione di appartamento (ciascun affittuario ha la sua stanza personale)
Room Sharing = condivisione di una stanza (due o più persone condividono la stessa stanza)
Single Bedroom (o semplicemente: Room) = Camera singola
Double Bedroom = Camera doppia
Twin Room = Camera doppia (ma con due letti separati)
Furnished = appartamento ammobiliato (e quindi si intende compreso nel prezzo di affitto)
Unfurnished = appartamento non ammobiliato

Poi l’affitto si può esprimere per settimana o per mese:
pw = per week
pcm = per calendar month

Note finali sulle case:
Normalmente è vietato fumare dentro casa, su questo sono molto severi.
Le case in Inghilterra sono normalmente tapezzate di moquette,  soprattutto le case vecchie, a volte pure nei bagni!!! 😦
I bagni non hanno prese elettriche!
Facile che le camere da letto siano più piccole delle nostre mentre il soggiorno e la cucina possono essere più grandi.
C’è quasi sempre il sotto scala alla Harry Potter!

Le tasse:
Non c’e’ IMU o tassa per il possesso di una casa ma si pagano delle tasse che sono municipali. Il municipio in Inghilterra si chiama Council e la tassa municipale, chiamata Council Tax è a carico di chi vive nella casa (tenant) e non del proprietario (landlord).
La rata della council tax per una casa nuova di tre piani come la nostra costa mediamente 100/150 sterline x 10 mesi all’anno (non hanno saputo dirmi come mai 10 e non 12). La Council tax rinchiude tutte le tasse municipali d’amministrazione: polizia, vigili del fuoco, servizi raccolta rifiuti e altro ancora.
Già che paghi, almeno sai dove vanno a finire i tuoi soldi e puoi valutare se vengono usati bene o no!

Casa in affitto!

Un pensiero su “Casa in affitto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...